Roberta Florio

ROBERTA FLORIO

ROBERTA FLORIO

9 rimedi per placare la dermatillomania

Per chi soffre di dermatillomania, contrastare il desiderio di stuzzicarsi la pelle è una lotta quotidiana. Il bisogno di eliminare imperfezioni, finendo col provocarsi escoriazioni, sembra incontenibile. 

Quando questo desiderio compare, continua a essere presente in modo incessante in testa, fino a quando non si cede e non si finisce per dare libero sfogo allo skin picking. 

Se la guerra contro la dermatillomania è un percorso lungo e complesso, questo non significa che non si possano vincere più facilmente alcune di queste battaglie quotidiane. 

Esistono, infatti, dei rimedi, delle piccole attenzioni e degli stratagemmi che si possono mettere in atto nell’immediato per distrarsi dal desiderio di stuzzicarsi la pelle, facendo in modo che lo stimolo si presenti sempre più di rado. 

Ecco 9 rimedi che puoi mettere in atto subito per combattere la dermatillomania.

1. Tieni le mani occupate

È difficile riuscire a stuzzicare la pelle, se hai le mani impegnate a fare altro. Ecco perché la dermatillomania può essere un motore per esplorare nuove attività, scoprire nuovi hobby: cucinare, dipingere, disegnare, suonare, fare a maglia, rilassarsi con giochi antistress… Le attività che tengono occupate le mani e che generano piacere, relax, svago, sono in grado di ridurre il bisogno di praticare skin picking e, di conseguenza, la frequenza degli episodi. I fronti sui quali solitamente si interviene sono due: quello farmacologico e quello psicologico. 

2. Copri gli specchi

Lo specchio è uno dei migliori alleati della dermatillomania: quante volte ti capita di praticare skin picking osservando le imperfezioni riflesse? A volte, è sufficiente passare davanti al proprio riflesso per soffermarsi un attimo, notare quel piccolo brufolo, quel segno sgradevole sulla pelle, e iniziare a cercare di eliminarlo. Ecco perché tenere coperti gli specchi di casa ti aiuterà ad evitare che ciò accada, e ti permetterà di guardarti soltanto quando lo deciderai volontariamente.

3. Nei momenti di relax, prediligi la luce soffusa

È nei tempi morti, meno pieni di incombenze e cose da fare, che è più facile cedere a desiderio di stuzzicare la pelle. Tenere le luci soffuse può aiutarti a prestare meno attenzione a eventuali imperfezioni che, alla luce piena del giorno, diventano molto più difficili da non notare e da ignorare. 

4. Applica tatuaggi temporanei

Anche i tatuaggi temporanei possono essere di grande aiuto. Applicati sulle aree che stuzzichi più di frequente, o su imperfezioni del corpo, tendono a nasconderle, ma anche a ricordarti di non danneggiare quel particolare punto della tua pelle. 

5. Allontana gli oggetti che usi di frequente per fare skin picking

Se i tuoi episodi di skin picking sono caratterizzati dall’uso di piccoli oggetti come forbicine, aghi cosmetici o pinzette, prendi l’abitudine di conservare questi strumenti in luoghi protetti. Tienili all’interno di un beauty su una mensola in alto, per esempio, oppure dietro ad altri oggetti in uno scomparto del mobiletto del bagno. In questo modo avrai più tempo per decidere in modo consapevole se prenderli o meno, senza che afferrarli sia un atto meccanico e quasi inconscio.

6. Concediti del tempo limitato

Sarebbe bello potersi svegliare una mattina e, semplicemente, decidere che non ti stuzzicherai la pelle mai più. Purtroppo, la dermatillomania non svanisce da un giorno all’altro: la guarigione è, piuttosto, un percorso fatto anche di compromessi con te stessa. Se tendi a trascorrere molte ore stuzzicandoti la pelle, potresti iniziare con l’impostare un timer e decidere a priori quanti minuti concederti: uno? Due? Cinque? Al suono della sveglia smetterai, sapendo che in futuro ti concederai qualche altro minuto. 

7. Tieni un diario

Un diario non è uno strumento per tenere traccia delle ricadute, ma per comprendere meglio quali sono gli avvenimenti o le situazioni ricorrenti che ti provocano il desiderio di praticare skin picking. Forse ci sono dei trigger che ancora non hai individuato e che potrai iniziare a evitare!

Il diario, inoltre, ti permette di tenere le mani impegnate e ti offre un’occasione di svago, di relax, un momento tutto per te: compilarlo può quindi diventare un’abitudine rilassante che può andare a sostituire, almeno in parte, il desiderio di praticare skin picking.

8. Applica post-it con frasi positive nei luoghi in cui pratichi più di frequente lo skin picking

Stuzzicare la pelle è un atto che viene compiuto quasi con “il pilota automatico”, in modo istintivo, senza rifletterci troppo dal punto di vista razionale. Per questo, riportare l’attenzione a ciò che si sta facendo e al danno che si sta arrecando a se stessi può essere utile a fermare questo processo o a evitare del tutto che l’episodio abbia inizio. 

Un escamotage utile è quello di applicare dei post-it con frasi positive nei luoghi in cui di solito ci si ritrova a praticare skin picking: una frase semplice come “Sei bella così”, se solitamente l’episodio scaturisce da un disagio legato al proprio aspetto, può essere un messaggio positivo rivolto verso se stesse sufficiente a far riprendere il controllo. 

È importante capire quali pensieri stimolano la dermatillomania, per poter utilizzare frasi efficaci, di rinforzo positivo, dimostrando di essere alleate di se stesse. 

9. Sfrutta il makeup e il potere della skin care

Uno dei principali trigger della dermatillomania è la presenza di imperfezioni visibili sul proprio corpo. Per questa ragione, il make up può essere un grande alleato nel contrastare i singoli episodi, grazie alla sua capacità di nascondere i piccoli difetti della pelle. 

Sul lungo termine, inoltre, l’uso dei prodotti di skin care più adatti alla propria pelle permetterà di migliorare la texture e di limitare la comparsa di imperfezioni, in alcuni casi eliminandole del tutto. Si può così contrastare in modo concreto uno dei principali fattori che spingono a praticare skin picking. 

Ci tengo a sottolineare che questi rimedi sono frutto della mia esperienza personale e di quella delle persone che hanno intrapreso un percorso di consulenza con me. 

Per vincere la dermatillomania, non si tratta di trovare il “trucco” per distrarre la mente o il prodotto miracoloso per la skin care. Al contrario, nelle mie consulenze la cura della pelle non è mai fine a se stessa e il percorso che si sviluppa è verso una maggiore conoscenza e consapevolezza di sé. 

Ho imparato che l’unica via è imparare ad ascoltarsi, a capire e valutare la propria pelle, alle sensazioni che essa provoca. Spesso, in consulenza, chiedo alla persona che sta facendo il percorso con me di chiudere gli occhi e di descrivere la propria pelle, di capire attraverso il tatto ciò di cui ha bisogno. 

È un percorso che inizia dalla pelle, ma che va molto oltre, permettendo di riscoprire la capacità di ascoltare e assecondare i propri bisogni, i propri desideri, le proprie emozioni. Mano a mano che si rafforzerà questo legame con se stessi, diventerà più facile capire qual rimedi mettere in atto e quali abitudini cambiare per abbandonare la dermatillomania e abbracciare un ritrovato benessere.
Se anche tu vuoi fare il primo passo verso una vita libera dalla dermatillomania, richiedi una consulenza

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO